Previsionale Impatto Acustico

Previsionale Impatto Acustico

La documentazione previsionale di impatto acustico (DPIA) è un documento tecnico che viene richiesto e redatto in fase di progettazione dell’opera - ovvero durante l’iter amministrativo di concessione o autorizzazione - allo scopo di verificarne la compatibilità acustica con il contesto in cui l’opera stessa andrà a collocarsi.

La DPIA deve consentire:
- la valutazione comparativa tra lo scenario stato di fatto (senza le opere o attività in progetto) e quello di progetto (con le opere o attività in progetto);
- di distinguere la quota di rumorosità indotta dalla sola opera o attività in progetto rispetto a quella generata dalle restanti sorgenti di rumore presenti sul territorio. Fermo restando l’obbligo del rispetto dei valori limite, ai fini del perseguimento degli obiettivi generali di tutela indicati dalla LQ n. 447/95, si raccomanda che le amministrazioni comunali, preso atto delle valutazioni riportate nella DPIA, abbiano cura di impartire opportune prescrizioni atte ad evitare: che le nuove opere/attività possano determinare il superamento dei valori di qualità di cui all’articolo 7 della LQ n. 447/95, valutati sul tempo a lungo termine, in corrispondenza delle aree nelle quali i suddetti valori siano già rispettati prima della realizzazione dell’opera o dell’avvio dell’attività;
- che le nuove opere/attività possano determinare un incremento dei livelli sonori, valutati sul tempo a lungo termine, nelle aree di quiete individuate ai sensi dell’articolo 3 del DL n. 194/05.

Scopo della DPIA è dimostrare la compatibilità della nuova opera/attività rispetto alla normativa acustica vigente; qualora la DPIA dimostri un potenziale non rispetto dei limiti, ciò costituisce elemento ostativo al rilascio dell’autorizzazione.

La DPIA deve essere redatta e prodotta alle Autorità competenti preliminarmente alla realizzazione di nuove opere, nonché alla realizzazione di modifiche, anche di orario, ampliamenti, ristrutturazioni di opere/attività esistenti, per opere destinate agli utilizzi sotto elencati e/o preliminarmente all’avvio dell’esercizio delle relative attività:
aeroporti, aviosuperfici, eliporti;
strade tipo: A, B, C, D, E, F così classificate dal DL n. 285 del 30.04.02;
ferrovie e sistemi di trasporto su rotaia;
strutture adibite ad attività produttive;
strutture adibite a servizi commerciali polifunzionali;
circoli privati con impianti o macchinari rumorosi;
pubblici esercizi con impianti o macchinari rumorosi;
discoteche;
strutture adibite ad attività sportive o ricreative.
 

Dichiaro di aver preso conoscenza e accettato la Privacy Policy di Obiettivo Ambiente srl

Grazie per averci contattato. La tua richiesta è stata correttamente inviata. Reindirizzamento in corso...