BANDO INAIL 2023 IN FAVORE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Il nuovo Bando INAIL permette alle aziende di ottenere un contributo a fondo perduto del 65% fino ad un massimo di 130.000 € per progetti di investimento finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.

A chi è rivolto

Imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA) competente per territorio e, Enti del terzo settore per la movimentazione manuale di persone. Sono escluse le aziende che hanno ottenuto il contributo del bando INAIL nel 2020, 2021, 2022.

Misure dell’agevolazione

È riconosciuto un contributo a fondo perduto del 65% della spesa ammessa fino ad un massimo di 130.000 €.

Il contributo viene erogato secondo la regola del De Minimis.

Costi ammissibili

Sono ammesse a finanziamento le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza, nonché le eventuali spese tecniche.

Le spese devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda.

Interventi ammissibili

Sono finanziabili progetti di investimento volti a ridurre i pericoli derivanti da rischi chimici, vibrazioni, rumori, movimentazione di carichi, rischio infortuni, ecc.

A titolo esemplificativo le spese ammissibili sono:

  • sostituzione di macchinari, trattori agricoli e forestali;
  • sostituzione di macchinari per la riduzione del rischio e vibrazioni (martelli demolitori, perforatori, seghe, ribattitrici, ecc.);
  • installazione di impianti o cappe di aspirazione, cabine di verniciatura/spruzzo/carteggio, sistemi di isolamento dell’operatore;
  • linee automatizzate per la movimentazione, robot, centri di lavoro, muletti;
  • sistemi di ancoraggio per rischio caduta dall’alto;
  • sistemi e dispositivi per la riduzione del rischio intossicazione, asfissia, esplosione: droni per ispezioni, sistemi automatizzati, sistemi di monitoraggio ambientale;
  • bonifica da materiali contenenti amianto e loro rifacimento;
  • progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (UNI EN ISO 45001:2023, Sistema di gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro SGSL).
Presentazione delle domande

La data di apertura della procedura informatica sarà pubblicata entro il 21 febbraio 2024.

Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt